top of page

Che cos'è la depressione

Aggiornamento: 9 giu 2023

La depressione è una sensazione di tristezza e/o di vuoto accompagnata da una riduzione di interesse per le attività quotidiane ed anche straordinarie, incluso quelle attività che comunemente danno piacere, come per esempio viaggiare, passeggiare, incontrarsi con gli amici e per le quali il soggetto provava interesse prima dello scatenarsi dell'episodio depressivo. La maggior parte dei soggetti depressi presenta difficoltà ad addormentarsi e si sveglia ripetutamente durante la notte oppure dormono più del solito.

Lo stato depressivo deve essere sufficientemente intenso e prolungato da interferire con il funzionamento sociale e privato della persona. Taluni soggetti che si ammalano di depressione, infatti, smettono finanche di lavarsi e di prendersi cura della casa e delle persone care incluso i figli.


Fattori che favoriscono la depressione


Diversi sono i fattori che possono favorire l’insorgenza della depressione, tra i quali:

  • predisposizione familiare (ereditarietà);

  • eventi molto stressanti;

  • lutto;

  • trauma;

  • variazioni nei livelli ormonali.

Le ricerche indicano che lo status sociale e la cultura non sembrano influire sulla possibilità di soffrire di depressione nell’arco della vita,

I fattori genetici contribuiscono alla depressione in circa la metà delle persone che ne sono affette. Le donne hanno più probabilità di soffrire di depressione rispetto agli uomini.


Le variazioni nei livelli ormonali possono indurre alterazioni dell’umore poco prima delle mestruazioni, cosiddetta sindrome premestruale, nel corso della gravidanza e dopo il parto. Nelle prime quattro settimane dopo il parto o durante la gravidanza alcune donne accusano depressione (malinconia da parto o, se la depressione è più grave, depressione post partum.

Squilibri nella funzionalità tiroidea sono pure correlati alle manifestazioni depressive.


Non di rado una patologia fisica grave che impatta negativamente sulla qualità della vita e/o provoca dolore cronico causa la depressione.


La persona che soffre di depressione può apparire apatica e triste oppure irritabile e ansiosa, preoccupata a causa di una sensazione di colpevolezza e di auto-denigrazione, può cadere preda di una disperazione, di un profondo senso di solitudine ed inutilità che può portare alla ideazione suicidaria per porre fine alla sofferenza psichica.


La questione di fondo e' che il depresso non riesce a provare emozioni, e il mondo diventa incolore, come se fosse qualcosa di distante. Ed e' dal linguaggio emotivo ed il suo predecessore, il linguaggio corporeo, che bisogna partire per un percorso di cura di una sindrome depressiva.


Sul portale InSeduta i nostri psicologi si occupano esclusivamente di sintomi depressivi che non richiedano un trattamento ambulatoriale o residenziale presso una struttura sanitaria riabilitativa.

Per tal motivo il colloquio gratuito ed una valutazione successiva a tale colloquio è effettuata dai nostri professionisti per vagliare se il soggetto si qualifica tra i casi che possono essere seguiti in videoconsulenza.


Psicoterapia online della depressione


Il metodo InSeduta per affrontare la depressione parte dal presupposto che il paziente depresso si è impoverito nei linguaggi corporeo ed emotivo e progressivamente questo impoverimento dei linguaggi di comunicazione umana più per cosi dire evolutivamente antichi ha impattato negativamente anche sulla capacità di fantasticare e sulle capacità razionali del soggetto. Infatti nei casi gravi, si misura un impoverimento cognitivo del soggetto depresso.


Il metodo InSeduta nel caso di sintomi depressivi, aiuta il cliente a sviluppare i Linguaggi di base partendo dal linguaggio corporeo e collegando quest'ultimo al linguaggio emotivo. In taluni casi il soggetto può essere invitato ad integrare i colloqui in videoconsulenza con esercizi motori sotto la supervisione di un fisioterapista, opportunamente supervisionato dallo psicologo. Tali esercizi motori hanno lo scopo di risvegliare il linguaggio corporeo e riattivare la vitalità del soggetto.

Quando il soggetto riesce a ritornare al corpo ed alla verità emotiva del corpo, sul piano razionale diventa chiaro capire in quali valori e scelte egli si indentifica. Il rilancio di una azione vitale si instaura grazie alla chiarezza razionale raggiunta attraverso la integrazione del linguaggio razionale con il linguaggio corporeo.

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page